Pinne

Brand
1
5
1
1
1
Colore
1
1
1
1
3
Taglia
1
1
2
3
3
3
2
1
2
1
2
1
2
1
2
1
1
1
2
2
1
Stock
7
2
Rating
2
Brand
1
5
1
1
1
Colore
1
1
1
1
3
Taglia
1
1
2
3
3
3
2
1
2
1
2
1
2
1
2
1
1
1
2
2
1
Stock
7
2
Rating
2

Visualizzazione di 9 risultati

  • -24% Pinne Jet Fin
    Pinne

    Pinne Jet Fin

    Il prezzo originale era: 235,00 €.Il prezzo attuale è: 179,00 €.
  • -20% Pinne Wind Blue
    Pinne

    Pinne Wind Blue

    Valutato 0 su 5
    Il prezzo originale era: 49,00 €.Il prezzo attuale è: 39,00 €.
  • -14% Rk3 Apeks
    Pinne

    Pinne RK3 HD

    Valutato 0 su 5
    Il prezzo originale era: 150,00 €.Il prezzo attuale è: 129,00 €.
  • -30% Pinne Talent
    Pinne

    Pinne Talent

    Il prezzo originale era: 69,00 €.Il prezzo attuale è: 48,00 €.
  • -21%
    Pinne

    Pinne Express Adj

    Valutato 0 su 5
    Il prezzo originale era: 100,00 €.Il prezzo attuale è: 79,00 €.
  • -21%
    Pinne

    Pinne Cyclone

    Valutato 0 su 5
    Il prezzo originale era: 100,00 €.Il prezzo attuale è: 79,00 €.
  • -25%
    Pinne

    Molle inox per pinne

    Valutato 0 su 5
    Il prezzo originale era: 12,00 €.Il prezzo attuale è: 9,00 €.
  • Pinne

    Phazer

    Valutato 0 su 5
    Il prezzo originale era: 119,00 €.Il prezzo attuale è: 100,00 €.
  • Pinne

    Bungee Strap Phazer

    Valutato 0 su 5
    Il prezzo originale era: 33,79 €.Il prezzo attuale è: 26,00 €.

Che tu sia un subacqueo ricreativo, un subacqueo tecnico o uno snorkelista la scelta delle pinne sub più adatte alle tue esigenze non è sempre facile. La vasta gamma che si trova sul mercato è veramente ampia con differenze notevoli in materiali in rigidità e lunghezze.

Pinne: aspetti fondamentali

Nella scelta del miglior paio di pinne sub teniamo conto di questi punti fondamentali;

La taglia è un aspetto fondamentale, come il classico paio di scarpe anche le pinne vanno calzate quindi devono essere giuste per la nostra misura del piede. Si usa dire che piede e pinna deve diventare un tutt’uno, non stringere troppo al piede ma non avere la pinna che sia larga. La giusta misura renderà una pinnata perfetta e performante migliorando la tua immersione utilizzando al minimo le tue pinne subacquee.

I materiali sono un altro aspetto importante sia sotto forma di performance sia per la durata nel tempo. Per quanto riguarda quelle a scarpetta (modello snorkeling e apnea) il materiale migliore è molto importante per una migliore calzata del piede e per tenere alla lontana irritazioni e le classiche vesciche.

Forma e tipo di immersione rappresentano un altro aspetto fondamentale. Le pinne sub devono essere scelte in base al tipo di immersione che si vuole svolgere ed avere una forma aerodinamica che in acqua significa aver meno attrito.

Accessori utili per vestizione e svestizione delle pinne da sub, vedi molle inox che facilitano molto queste operazioni sia ai subacquei meno esperti ma anche per quei subacquei che da anni praticano questa attività.

Con l’avvento della subacquea tecnica è doveroso ricordare che sono ritornate in commercio le pinne sub realizzate in un unico stampo in gomma naturale con pala medio piccola. Modelli come le mitiche Jet Fin nate nel 1965 ma diventate il massimo nella subacquea tecnica per le sue dimensioni e le sue performance. Anche Apeks ha lanciato sul mercato le sue Rk3 HD e Rk3 in vari colori disponibili. La Hollis ha le F 1 che risultano quelle piu’ pesanti in questa gamma. Sicuramente questi modelli sono tra le pinne sub migliori

Pinne e pinneggiata

I subacquei hanno diverse tecniche di pinneggiata a seconda delle esigenze e dell’ambiente circostante.

La pinneggiata alternata è la più diffusa tra i sub ricreativi . E’ molto potente ma non ha momenti morti nell’azione di spinta. Quindi può essere molto stancante per chi non è allenato e, a causa del flusso d’acqua rivolto verso il basso, si possono sollevare sedimenti quando il sub si trova a pinneggiare in prossimità del fondo. Sicuramente non è la tecnica migliore per esplorare ambienti dove è presente fondo con sedimento leggero.

Nei casi in cui sia fondamentale mantenere una visibilità ottimale e l’ambiente non consenta movimenti troppo ampi delle gambe, si può adottare la cosiddetta pinneggiata alternata modificata. Consiste nel tenere praticamente ferme le ginocchia, mantenendole in linea con il corpo, e pinneggiare solo con la parte inferiore delle gambe, cercando di dirigere il flusso d’acqua di spinta verso l’alto.

Se il sub è costretto a spostarsi vicino al fondo, allora può essere utile usare la pinneggiata alternata solo di caviglie.  Qui tutta la gamba è praticamente immobile (pur mantenendo le pinne in alto, coi piedi nella posizione “a martello”, per garantire il corretto assetto e trim) e la propulsione viene ottenuta solo dal movimento alternato delle caviglie.

Pinneggiata a rana

La pinneggiata a rana risolve molti dei problemi che si creano nell’uso della pinneggiata alternata. Il flusso di spinta è completamente diretto l’alto eliminando il rischio di sollevare il fondo. Questo tipo di pinneggiata risulta essere poco dispendiosa. Se il sub ha un ottimo trim e l’attrezzatura risulta ben avvolta lo spostamento continua per inerzia anche durante la fase di abbrivio e di caricamento.

Questo momento morto risulta sicuramente poco efficace in caso di presenza di corrente. Altro aspetto negativo è la necessità di disporre di un ampio spazio per il movimento di apertura delle gambe. Alcuni problemi della pinneggiata a rana vengono risolti dalla sua versione modificata. Analogamente alla alternata modificata, questa versione può essere utile in presenza di spazi ristretti che però consentano ancora una certa libertà di manovra.

Se necessiti di ulteriori informazioni su pinne ricreative e su pinne tecniche chiamaci in negozio allo 030314804.

Carrello
Torna in alto